#autoreinvista – Enrico Scebba

Siamo arrivati al quinto appuntamento di #autoreinvista

Oggi è il turno di uno scrittore molto promettente di cui ho letto e sentito parlare molto bene nel mondo di bookstagram. Sto parlando di Enrico Scebba, autore di Sul viale delle ombre e La paziente 99.

Sul Viale delle ombre è il primo libro di una trilogia, un thriller dalle tinte gotiche ambientato in una villa maledetta, Villa Phalagon che tutti temono, abitata dalla famiglia Groove (autoconclusivo ma con spiragli narrativi per i testi a seguire). La Paziente 99 è un thriller psicologico, perfettamente nelle mie corde per la mia anima dark, che racconta di un manicomio criminale di massima sicurezza e di Barbara Phoenix detenuta lì.

Ma conosciamo meglio l’autore!

1.Ciao Enrico ti ringrazio per aver accettato il mio invito e per il tuo tempo. Racconta in poche righe chi è Enrico Scebba scrittore.

Ciao, innanzitutto grazie a te per questa intervista, ho 31 anni, abito a Bagheria (PA) e già a 18 anni mi sono appassionato alla scrittura, mentre la lettura fu già una mia passione dai primissimi anni dell’adolescenza.
Un’altra passione mi anima, ed è quella per l’informatica, mi ha permesso di trovare i primi lavori, anche in ambiti affini ad essa, nello sviluppo di siti web e nella programmazione informatica.

2.Cosa rappresenta per te la scrittura e come nasce il tuo sogno di diventare scrittore?

La scrittura per me rappresenta il modo di raccontarmi agli altri attraverso storie di fantasia, dove, seppur ben nascosta, c’è sempre una piccola parte di me.
Il mio sogno di diventare scrittore nasce dopo aver letto diversi bei romanzi. Mi sono accorto che anche la mia fantasia riusciva a creare storie che potevano risultare interessanti ed originali per degli eventuali lettori. Ma il primo romanzo che ho scritto, nonostante la trama fosse abbastanza buona, rileggendolo dopo anni, non mi è parso un buon prodotto a livello di scrittura, così l’ho messo da parte e mai pubblicato. Sulla soglia dei 28, ho voluto riprovare, conscio di essere più maturo e spinto dalla mia attuale ragazza. È nata quasi da sé l’ispirazione per il mio romanzo d’esordio “Sul viale delle Ombre – La lacrima del Principe”, primo romanzo giallo gotico di una trilogia.

3.I tuoi romanzi sono eterogenei tra loro ma sono collegati da un unico ciclo letterario. Ci spieghi bene il perché?

Inizialmente l’ispirazione era nata per un solo romanzo, ambientato all’interno di Villa Palagonia, un luogo molto misterioso, sito nella mia città, Bagheria. Ma ben presto, durante la stesura del romanzo, ho approfondito delle ricerche e ho scoperto che la storia si sarebbe potuta estendere così da scrivere altri due romanzi, collegati attraverso la storia di Villa Palagonia che si interseca con le storie di altre due ville della mia città.

Quindi tre ville collegate realmente tra loro e tre romanzi di fantasia che le lasciano scoprire. I due volumi finali sono in fase di editing, per quanto riguarda il secondo, e in fase di scrittura per quanto riguarda il terzo. È stato mentre scrivevo il secondo volume che ho avuto un’altra ispirazione, che si poteva benissimo collegare alla trilogia, nasce così La Paziente 99, romanzo thriller psicologico, spin-off della trilogia Sul viale delle ombre, pubblicato a dicembre 2020, che tratta il passato di uno dei personaggi secondari della trilogia.

Ho impostato il primo volume di Sul viale delle ombre come autoconclusivo, lasciando soltanto degli spiragli narrativi, perché la storia che avevo inizialmente in mente era appunta adatta per un solo romanzo. Ovviamente per leggere il secondo volume bisogna aver prima letto il precedente, e questo vale anche per il terzo volume, ma ognuno di essi ha una trama autoconclusiva fine a se stessa, con una trama di fondo più larga che abbraccia i tre volumi.

Discorso a parte per La Paziente 99, lo spin-off, autoconclusivo e di approfondimento, può anche non essere letto, o essere letto prima o dopo aver letto la trilogia. Io consiglio comunque di leggerlo dopo il primo volume di Sul viale delle ombre e prima del secondo volume. Esattamente in ordine di pubblicazione, che coincide con gli eventi in ordine temporale di tutto il ciclo.

4.Scrivi storie thriller, hai un modello di riferimento o un autore in particolare a cui ti ispiri? Io ad esempio amo Sebastian Fitzek insuperabile in fatto di thriller psicologici.

Scrivo storie thriller e similari ma non leggo soltanto thriller, e sinceramente non ho letto nulla di Sebastian Fitzek, ma spero di arrivare a leggere anche questo bravissimo autore prima o poi. Non saprei dirti se mi ispiro a un autore in particolare, ma sicuramente ci sono delle storie che per certi aspetti mi hanno aiutato a definire l’ambientazione della mia romanzo, ad esempio alcuni elementi di Dracula, Frankenstein e Il fantasma dell’opera.

5.Che rapporto hai con le critiche?

Penso di avere un ottimo rapporto con le critiche, finora non ne ho mai ricevute di distruttive, alcune invece sono state molto costruttive, e ne sono grato perché è proprio da queste che posso iniziare a migliorarmi. Di solito, stabilisco addirittura un bel rapporto di amicizia con chi mi fa delle critiche costruttive.

6. Dacci qualche piccola anticipazione sugli altri due capitoli di Sul viale delle ombre, quali personaggi ritroveremo?

Ho già anticipato che scopriremo una villa per ogni volume, nonostante Villa Palagonia, la cosiddetta “villa dei mostri”, rimarrà sempre un perno centrale della narrazione. Per quanto riguarda i personaggi ritroveremo praticamente tutti i quelli già conosciuti nel primo volume, più delle new entries, tra cui alcuni ragazzini, quindi una fascia di età non presente nel primo volume. In particolare, mi fa piacere che abbiano un bel ruolo anche dei personaggi già visti in La Paziente 99.

7. Domanda di rito, vendi un tuo romanzo in 30 secondi.

Cerchi una storia ricca di suspense e che ti tenga incollato alle pagine? Acquista Sul viale delle ombre di Enrico Scebba! L’ambientazione vittoriana e i misteri di una villa che maledice un intero borgo ti rapiranno, convincendoti così tanto che vorrai visitare i reali luoghi da cui ho tratto ispirazione, non aspettando altro che il prossimo volume, sempre ricco di colpi di scena e nuovi intriganti personaggi. Offerte e sconti disponibili contattando direttamente me.

Grazie di cuore a Enrico per essersi raccontato e per il suo tempo prezioso, gli auguro tanta fortuna sperando che possa continuare a coltivare il suo sogni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: